Gradi di alopecia maschile: scala Norwood e Hamilton

Home / Blog / Gradi di alopecia maschile: scala Norwood e Hamilton

Alopecia, dal latino alopecia (“scabbia”), e dal greco antico ἀλωπεκία (alōpekía), a sua volta da ἀλώπηξ (alṓpēx), “volpe” *.

Negli anni tra il 1930 e il 1945, specialmente nell’era nazista, sono state condotte le pratiche mediche più disonorevoli e imbarazzanti della storia.

La sperimentazione su esseri umani, ha gettato a terra tutti i principi della bioetica moderna e qualsiasi precetto del giuramento di Ippocrate. Un esempio di questa linea di pensiero, sono state le diverse indagini che hanno “dimostrato” e determinato che il comportamento aggressivo mostrato da alcuni pazienti psichiatrici in un istituto psichiatrico in Kansas (USA), era motivato dall’eccesso di ormoni maschili (testosterone). La soluzione in questi casi era di routine e radicale: la castrazione.

scala-Norwood-e-Hamilton

Hamilton: prima classificazione dei gradi di alopecia

Il medico anatomista James Bruce Hamilton, ottenne il permesso dall’Università di Yale per studiare il comportamento di questi pazienti castrati e, nel corso di questa indagine, fu particolarmente colpito da uno di essi. Aveva un fratello gemello che gli faceva visita regolarmente, la grande differenza tra i due era che mentre il paziente psichiatrico aveva i capelli folti, suo fratello era completamente calvo. 

Hamilton si chiese allora se ci fosse una qualche relazione tra ormoni maschili e calvizie e, come abbiamo detto all’inizio, non gli fu difficile ottenere il permesso di sperimentare con il detenuto e somministrargli il testosterone, l’ormone che era stato soppresso con la castrazione. Dopo sei mesi di “trattamento” il paziente era calvo come suo fratello.

Si giunse alla conclusione che, effettivamente, il testosterone poteva causare la calvizie. Ma perché? In quale modo?

Innanzitutto, il testosterone viene metabolizzato in modo diverso nei follicoli piliferi di quei soggetti con predisposizione genetica all’alopecia e a una quantità anormale dell’enzima 5-alfa-reduttasi, questo testosterone viene convertito in diidotestosterone (DHI), rimane attaccato ai capelli e atrofizza i follicoli, provocandone la successiva caduta.

Da quel momento in poi, J. Hamilton si concentrò su questa linea di ricerca e condusse uno studio su un campione di oltre 300 uomini con perdita di capelli.

Così fu come venne promulgata la prima classificazione della calvizie basata sull’osservazione della recessione della linea frontale e sulla quantità di perdita di capelli nell’area frontoparietale.

calvizie maschile norwood e hamilton

  • Gruppo A, sottotipo I-III, scalpi non calvi

Tipo I: la recessione della zona frontale non è pronunciata e non vi è perdita di capelli nella zona frontoparietale. Qui, c’è una forma variante nella quale il bordo anteriore dell’attaccatura dei capelli si trova sulla parte superiore della fronte, che è noto come Tipo IA

Tipo II: benché sottile, si osserva già un’area triangolare di recessione, che tende ad essere simmetrica nella linea frontale e si comincia a notare uno spopolamento dell’area frontoparietale.

Tipo III: qui sono stati elencati i casi particolari di calvizie dovute a cicatrici, con asimmetria laterale, insoliti tipi di dispersione, assottigliamento dei capelli e altri fattori..

  • Gruppo B, sottotipo IV-VIII, scalpi calvi

Tipo IV: rappresenta la perdita minima di capelli considerabile come calvizie. Si osservano una recessione frontotemporale pronunciata, generalmente simmetrica, ed un notevole diradamento. Questi arretramenti si estendono fino a 3 cm dietro la linea frontale e un notevole diradamento nella zona della corona è molto evidente. È classificato come tipo IVA

Tipo V: include recessioni frontoparietali e frontali con scarsità o assenza di capelli nell’area della corona

Tipo VI: l’intera parte superiore della testa è calva. Nel modello di varianti, Tipo VI A

Tipo VII e VIII: in questi tipi, l’area con i capelli ha la forma di un ferro di cavallo

Questa classificazione di Hamilton si assume come il punto di riferimento del modello di calvizie. Tuttavia, nonostante descriva in dettaglio le diverse fasi dell’evoluzione della caduta dei capelli, non ha incluso i modelli speciali di perdita di capelli, che furono aggiunti negli anni settanta dal dottor O’Tar Norwood.

Norwood: seconda classificazione dei gradi di calvizie

Il dott. Norwood, rinomato dermatologo e chirurgo specializzato nel trapianto di capelli dell’Oklahoma, ha esaminato la classificazione Hamilton nel 1975 dopo aver condotto uno studio su un campione di più di 1000 pazienti..

Ad oggi, questa è la classificazione più utilizzata per stabilire i gradi di calvizie maschile. Oltre a definire i due modelli principali, ne aggiunge altri in base alle condizioni del cuoio capelluto sulla corona.

gradi-di-alopecia-maschile-scala-norwoodTipo I: c’è una recessione minima o nulla nell’attaccatura dei capelli

Tipo II: ci sono aree di recessione triangolari, generalmente simmetriche, nella linea frontale dei capelli

Tipo III: questo sarebbe il grado minimo secondo Norwood per essere considerato calvizie. Una recessione simmetrica si osserva nelle tempie che hanno pochissimi capelli o sono già totalmente spopolate

Tipo IV: la recessione frontotemporale è più grave che nel Tipo III. Le due aree di perdita di capelli sono separate da una linea di capelli moderatamente spessa che si estende attraverso la parte superiore. Questa banda collega i lati del cuoio capelluto

Tipo V: La regione di caduta dei capelli del vertice è ancora separata dalla regione frontotemporale, ma è meno chiara. La fascia di capelli che attraversa la corona è più stretta e più scarsa, e le regioni di perdita di capelli all’apice e frontotemporale sono più grandi

Tipo VI: il ponte di capelli che attraversa la corona, le regioni frontali e vertici sono uniti

Tipo VII: questa sarebbe la forma più grave di calvizie, dove la testa avrebbe solo una fascia di capelli, non molto densa, a ferro di cavallo nella zona occipitale.

Norwood non è d’accordo con Hamilton nelle varie varianti di Tipo A, definendole come segue:

Tipo IIA: l’attaccatura dei capelli è anteriore alla zona dell’orecchio

Tipo IIIA: l’attaccatura dei capelli è stata ridotta a un punto tra il limite di Tipo IIA e l’area dell’orecchio

Tipo IV A: l’attaccatura dei capelli è retrocessa oltre la linea dell’orecchio, ma non ha raggiunto l’apice della testa

Tipo V A: l’area calva supera il vertice della testa. La perdita di capelli più grave di quella di Tipo VI non può essere distinta dai Tipi VI o VII.

Da allora, ci sono stati molti ricercatori che hanno proposto nuove classificazioni dei livelli di alopecia. soprattutto perché è evidente che questa scala di Norwood non elenchi alcuni casi particolari di calvizie. Nonostante ciò, la verità è che questa classificazione continua ad essere la più utilizzata in tutto il mondo quando si tratta di quantificare e misurare l’evoluzione della caduta dei capelli.

 

*ἀλώπηξ (alṓpēx), “volpe”. Questo termine viene utilizzato perché la volpe cambia o muta pelo due volte all’anno.

Fonti consultate:

Schwarc J.A. (2009). “Hormonas y calvicie” en ¿De qué se alimentan los zombis? Páginas 170-173. Barcelona. Editorial Robinbook S.L. ISBN 978-84-96924-75-8

Gradi di alopecia maschile: scala Norwood e Hamilton
Vota l \\\\\\\'articolo

WhatsApp Logo Whatsapp